[Promozione] #35.1 – Come stare in contatto con il lettore

 In Tips & Tricks

Questa è la seconda parte del commento dell’articolo apparso recentemente su GoodEreader dal titolo How to stay in touch with your favourite authors che, come dice il titolo stesso, è un’analisi dedicata al modo in cui i lettori si mettono in contatto con i propri autori preferiti.

Nella prima parte (>>>che trovi qui) abbiamo innanzitutto visto insieme perché un lettore dovrebbe voler cercare il contatto con l’autore, per poi procedere oltre con un piccolo ripasso dei concetti base dell’uso di Twitter, tra i social quello più gettonato dagli amanti dei libri.

Andremo avanti in questo post, parlando del sito web autore, di Facebook, della newsletter.

 

Il sito personale e il blog

 

Secondo la ricerca di GoodEreader, tra i canali maggiormente usati dal lettore per cercare il contatto con il suo autore preferito ci sono, non a caso, il sito web personale e il blog dell’autore.

 

17.2% of the population stated that they continue to regularly visit the authors personal website and 12.04% visited the authors blog. These are two distinctive things. A website is primarily used to hype the authors latest books and provides buying links to where you can buy them in bookstores or online. The blog, is most often the authors own personal voice where they write articles musings.

 

Ma come, sito e blog non sono la stessa cosa?

keyboard-498396_1280

Assolutamente no, seppure il confine tra i due sia decisamente labile. Mentre il sito può essere considerato come un canale più “istituzionale”, il posto dove il lettore può trovare tutte le info che sta cercando sull’autore, la sua bio, i contatti, i link all’acquisto dei suoi libri,

 

il blog, invece, riflette una dimensione maggiormente social, laddove è quello spazio dove l’autore può far sentire la sua voce, attraverso post, immagini e qualsiasi contenuto ritenga interessante per la propria audience.

 

Secondo GoodEreader, i lettori visitano il sito personale allo scopo di rimanere al passo con eventuali ultime uscite o novità che riguardano l’autore, nonché per reperire le risorse per l’acquisto.

 

>>>A tal proposito ti ricordo i widget di StreetLib Sell che ti consentono di vendere il tuo libro direttamente dal tuo sito personale senza costi aggiuntivi.

 

I lettori, invece, usano il blog, per conoscere meglio l’autore e tutto ciò che di interessante ha da dire al di là dei contenuti dei suoi libri.

Se vuoi degli approfondimenti sull’uso del blog ti consiglio:

#2.1 – Il blog
#2.2 – Il blog, come e cosa
#8.1 – Gli errori da evitare: il blog dell’autore

Vuoi aprire un blog senza avere un sito personale? Ci sono diverse alternative che ho preso in analisi per te in questo post:

#33 – Le piattaforme di social blogging

 

Adesso tocca a Facebook

Pur confermandosi come il social network più usato in assoluto, è “solo” terzo in classifica tra i canali più usati dai lettori:

 

16.46% of users stated they use Facebook to visit authors official Pages.  The readers enjoy more personal interaction between themselves and the author. Posting on the wall or replying to established threads is more documented and easy to follow.

 

facebook-

GoodEreader parla di fan page dell’autore. La fan page, come sai, è infatti il modo migliore per gestire le interazioni con il tuo pubblico di lettori, a differenza del profilo, che presenta diverse limitazioni e che dovresti riservare a scopi esclusivamente personali.

Per approfondire:

#23. Profilo o Fan Page? Come trasformare il tuo account in Pagina Autore

 

Fan page autore o fan page del libro?

 

Assolutamente la prima. A meno che tu non voglia fermarti a un unico libro o che tu non voglia aprire una fan page per ogni libro che pubblichi. Il riferimento primario dei tuoi lettori devi essere tu, poi i tuoi libri.

Per approfondire sull’uso di Facebook:

#19 -I 5 comportamenti da spammer che ogni autore dovrebbe evitare su Facebook

#8.3 – Gli errori da evitare: i social network

#3.1 – Promozione attraverso i Social Network: Facebook

 

e degli altri social network: http://selfpublish.streetlib.com/it/category/selfmarketing/social-media-it/

 

Instagram e Newsletter

 

Cosa manca ancora? Secondo la ricerca di GoodEreader i lettori amano seguire i propri autori anche attraverso piattaforme sociali apparentemente dedicate a una tipologia di contenuti parecchio diversa dai testi scritti: le immagini.

 

9.05% of readers subscribe to the authors newsletter, 7.33% check their Amazon profile,  5.13% visit their Instagram and less than 2% listen to an authors podcast, if one exists.

 

Troviamo in classifica, infatti, anche Instagram. Ma in che modo i social visuali si sposano con la promozione del tuo libro? Per scoprirlo, ti suggerisco di cliccare qui.

 

Passiamo alla newsletter che interessa il 9,05% dei lettori. Una percentuale apparentemente bassa che, a mio avviso, è giustificata dall’uso ridotto che gli autori stessi fanno di questo strumento.

 

Hai una mailing list di contatti?

 

Credi di avere anche delle cose interessanti da dire e il tempo per farlo?

No junk mailboxBene, non ti resta che organizzare la tua newsletter periodica e metterti in contatto con i tuoi lettori, direttamente dalla loro casella di posta.

Non usarla solo per comunicare promozioni in corso e ricordati che nella maggior parte dei casi chi la riceve la leggerà con interesse e curiosità, perché iscritto volontariamente alla tua mailing list. Inoltre, se avvii una newsletter, stai sempre all’erta: chi legge, molto spesso risponde e richiede la tua attenzione!

Per approfondire:

#4. La newsletter del selfpublisher

Newsletter: creare un contatto con i lettori [#selfpubchat]

 

 

Il nostro appuntamento con l’interazione lettore – autore termina qui. Cosa ne pensi? Ti sei ritrovato in almeno uno dei casi fin qui citati? Come contatti/ ti fai contattare dal lettore? Ma soprattutto, hai trovato utili le risorse i consigli riportate in questo post? Scrivilo nei commenti e se hai dubbi su qualche passaggio, non esitare a contattarci!

Recommended Posts

Leave a Comment